NEC Articolo 620: Ascensori, Parte 2

NEC-Articolo-620-Ascensori-Parte-2
Scollegamento dell'alimentazione dell'ascensore (con contrassegno dell'alimentazione di rete) situato nella sala macchine o in un'altra posizione consentita

La conclusione di una serie di approfondimenti sull'impatto del Codice Elettrico Nazionale sul trasporto verticale

Nella prima parte di questa serie (ELEVATOR WORLD, aprile 2012), abbiamo iniziato un esame dei mandati del National Electrical Code (NEC) 2011 per gli ascensori e le relative installazioni di apparecchiature. Riprendiamo con uno sguardo ai metodi di cablaggio, alla protezione da sovracorrente, alla messa a terra e ad altre disposizioni NEC relative a queste installazioni.

obiettivi formativi

Dopo aver letto questo articolo, dovresti aver imparato:
♦ Quali posizioni richiedono circuiti derivati ​​separati e dedicati
♦ Quali circuiti derivati ​​non devono essere dotati di protezione con interruttore di circuito di guasto a terra (GFCI)
♦ Quali posizioni devono avere una o più prese duplex
♦ Dove deve essere installata la protezione da sovracorrente per l'illuminazione del vano corsa, della fossa e della sala macchine
♦ Come vengono misurate le lunghezze non supportate dei cavi mobili

Una sezione sui circuiti derivati ​​per l'illuminazione delle auto, le prese, la ventilazione, il riscaldamento e la climatizzazione contiene una serie di disposizioni importanti. L'idea di base è che ci deve essere un circuito separato e dedicato per le luci dell'auto, le prese e la ventilazione su ogni auto. Il circuito derivato deve essere protetto da un dispositivo di sovracorrente situato nella sala macchine, sala di controllo/spazio macchine o spazio di controllo. L'illuminazione non deve essere collegata a un GFCI, perché la cabina dell'ascensore non è un luogo che dovrebbe subire inciampi fastidiosi. Un'ulteriore esigenza riguarda la climatizzazione e il riscaldamento delle cabine degli ascensori. Il circuito derivato che alimenta queste unità deve essere similmente dedicato, con il relativo dispositivo di sovracorrente situato nella sala macchine o luogo simile.

NEC 2011 si occupa anche dei circuiti derivati ​​per la sala macchine o la sala di controllo/spazio macchine o l'illuminazione e le prese della sala di controllo. È obbligatorio, come nell'auto, che questi articoli abbiano un circuito derivato separato e dedicato e l'illuminazione richiesta non deve essere fornita tramite un GFCI. È inoltre essenziale che l'illuminazione della sala macchine sia totalmente affidabile e separata dall'alimentazione del macchinario per facilitare la risoluzione dei problemi in caso di problemi dell'ascensore. Viene inoltre specificato che l'interruttore dell'illuminazione del locale macchine deve essere posizionato all'ingresso. Inoltre, in ogni sala macchine o luogo simile deve essere prevista almeno una presa duplex da 125 V, monofase, 15 o 20 ampere. A differenza dell'illuminazione, queste prese devono essere collegate a dispositivi GFCI.

Un'altra posizione che richiede un circuito derivato separato per l'illuminazione e la/e presa/e è la fossa del vano corsa. Questa è l'area all'interno del vano corsa sotto la cabina e ci sono occasioni in cui i tecnici degli ascensori devono lavorare in quest'area per la manutenzione e la risoluzione dei problemi. Anche in questo caso, l'illuminazione non deve essere collegata a un GFCI, mentre tale protezione è richiesta per le prese.

I circuiti derivati ​​aggiuntivi devono fornire altre apparecchiature di utilizzo non coperte sopra. Questa attrezzatura è limitata a quella utilizzata in connessione con lo specifico ascensore, montavivande, scala mobile, tappeto mobile, piattaforma elevatrice o seggiovia per scale. I dispositivi di sovracorrente che proteggono questi circuiti derivati ​​devono essere posizionati nella sala macchine o in un luogo simile.

NEC Articolo 620 Parte IV, Installazione di conduttori, contiene i mandati chiave per il cablaggio degli ascensori. Inizia considerando le canaline metalliche e non metalliche. Questi sono trattati per uso generico, non specifico per ascensori negli articoli precedenti, 376 e 378, nel Capitolo 3, Metodi e materiali di cablaggio. A partire dall'articolo 320, Cavo armato (Tipo AC) e concludendo con l'Articolo 398, Cablaggio aperto su isolatori, viene trattato ogni cavo e canalina sanzionati dal codice, che vanno dal familiare Tipo NM (nome commerciale "Romex") all'esotico Integrated Gas Cavo distanziatore (tipo IGS). Come abbiamo visto, un numero limitato di questi è approvato per le posizioni degli ascensori: cabina, vano corsa, fossa e sala macchine.

I requisiti dell'articolo 620 modificano gli articoli del capitolo 3. Ad esempio, si afferma che l'area della sezione trasversale dei singoli conduttori in una canalina non deve superare il 50% dell'area della sezione trasversale interna della canalina. (Le aree della sezione trasversale dei conduttori sono fornite nel capitolo 9, tabelle da 5 a 8. Le aree della sezione trasversale dei condotti sono fornite nel capitolo 9, tabella 4. Le aree della sezione trasversale delle canaline si trovano moltiplicando le due dimensioni interne.) Le regola di base per il riempimento del conduttore di una canalina metallica, come indicato nell'articolo 376, è che la somma delle aree della sezione trasversale di tutti i conduttori contenuti in una sezione trasversale di una canalina non deve superare il 20% dell'area della sezione trasversale interna della canalina. La stessa cifra si applica alle canaline non metalliche. Quindi, vediamo che per il lavoro degli ascensori è consentito un riempimento maggiore. La somma della sezione dei singoli conduttori nelle canaline non deve superare il 40% della sezione interna della canalina, salvo quanto consentito per le canaline.

I supporti per cavi o canaline in un vano di corsa o in una scala o vano di marciapiede mobile o piattaforma elevatrice e pista di seggiovia per scale mobili devono essere fissati saldamente al binario di guida, alla scala mobile o al traliccio del tappeto mobile, o alla costruzione del vano di corsa, del pozzo o della pista. Una canalina che si allenta all'interno di un vano corsa potrebbe impigliarsi in un'auto in movimento, causando danni immensi e pericoli per gli utenti.

La sezione successiva, 620.36, riguarda diversi sistemi in una canalina o cavo mobile. È previsto con riserva che cavi e conduttori in fibra ottica per dispositivi di comando, comando e controllo del movimento, alimentazione, segnalazione, allarme antincendio, illuminazione, riscaldamento e condizionamento dell'aria di 600 V o meno possono essere eseguiti nello stesso cavo mobile o sistema di piste. La condizione è che tutti i conduttori devono essere isolati per la tensione massima applicata a qualsiasi conduttore all'interno dei cavi o del sistema di canaline e tutte le parti in tensione dell'apparecchiatura devono essere isolate da terra per questa tensione massima. Il cavo o la canalina viaggiante possono includere anche conduttori schermati e/o uno o più cavi coassiali. Questi devono inoltre essere isolati per la tensione massima applicata a qualsiasi conduttore all'interno del sistema di cavi o canaline. Tali conduttori possono essere ricoperti con idonea schermatura per circuiti telefonici, audio, video o di comunicazione ad alta frequenza.

La Sezione 620.37 sottolinea nuovamente che solo il cablaggio utilizzato in connessione con l'ascensore è consentito all'interno del vano corsa, della sala macchine, della sala di controllo/spazio macchine o spazio di controllo. Ciò può includere il cablaggio per i segnali, la comunicazione con l'auto, l'illuminazione, il riscaldamento, l'aria condizionata e la ventilazione dell'auto o il vano corsa per i sistemi di rilevamento incendi e le pompe per pozzetti.

È consentito collegare le rotaie dell'ascensore a un conduttore di messa a terra del sistema di protezione contro i fulmini, ma il conduttore stesso non deve essere posizionato nel vano corsa. Il codice rileva che le rotaie degli ascensori o altre apparecchiature per i vani di corsa non devono essere utilizzate come conduttore di messa a terra per i sistemi di protezione contro i fulmini. Le rotaie dell'ascensore, come il sistema di terra dell'intera struttura elettrica dell'edificio, devono essere collegate all'elettrodo di terra dell'impianto di illuminazione in modo che rimangano tutte allo stesso potenziale anche durante un evento di fulmine, assicurando che non si verifichino fulmini laterali.

Gli alimentatori principali che forniscono alimentazione all'ascensore devono essere mantenuti all'esterno del vano corsa a meno che non si applichi una delle seguenti condizioni:

Gli alimentatori per ascensori sono consentiti all'interno di un vano di corsa esistente (a condizione che non siano giuntati all'interno del vano di corsa) previa autorizzazione speciale dell'AHJ.

Gli alimentatori possono essere installati all'interno del vano dove l'ascensore ha un motore della macchina motrice nel vano o sulla cabina o sul contrappeso.

L'articolo 620 del NEC, parte V, Travelling Cables, è guidato da due questioni principali. Innanzitutto, il cavo mobile deve essere composto da conduttori a trefoli molto sottili in modo che possa flettersi con il minimo di sollecitazioni interne, garantendo lunga durata e affidabilità. In secondo luogo, deve essere configurato in modo da eliminare ogni possibilità di aggrovigliamento o sfregamento contro la superficie interna del vano corsa o gli oggetti montati su di esso. Inoltre, le portate dei singoli conduttori e le proprietà ignifughe dell'intero cavo sono fattori importanti.

Si precisa che i cavi viaggianti devono essere sospesi alle estremità della cabina e del vano corsa, o all'estremità del contrappeso ove previsto, in modo da ridurre al minimo le sollecitazioni sui singoli conduttori di rame. I cavi mobili devono essere supportati da uno di questi mezzi:

I loro membri di supporto in acciaio

Avvolgere i cavi attorno ai supporti per lunghezze non supportate inferiori a 100 piedi.

Sospensione dei cavi dai supporti con un mezzo che si stringe automaticamente attorno al cavo quando la tensione aumenta per lunghezze non supportate fino a 200 piedi.

Una nota informativa NEC definisce le lunghezze non supportate. Quando la cabina dell'ascensore si trova al pianerottolo superiore, è la lunghezza del cavo misurata dal punto di sospensione della cabina alla parte inferiore del circuito. Con la cabina dell'ascensore al pianerottolo inferiore, è la lunghezza del cavo misurata dal punto di sospensione nel vano corsa al fondo del circuito. Pertanto, il cavo mobile deve essere supportato da un elemento di supporto in acciaio.

I cavi mobili devono essere approvati per aree pericolose e devono essere conformi alle sezioni appropriate per ciascuna classe di aree pericolose che copre l'uso di cavi flessibili. (Progettare e installare un ascensore per una posizione di Classe I, Divisione 1 sarebbe piuttosto un'impresa.)

La sezione 620.43, Posizione e protezione dei cavi, prevede che i supporti dei cavi mobili devono essere posizionati in modo da ridurre al minimo la possibilità di danni dovuti al contatto dei cavi con la struttura del vano corsa o con l'attrezzatura nel vano corsa. Ove necessario, è obbligatorio prevedere idonee protezioni per proteggere i cavi da danneggiamenti. Poiché devono muoversi e flettersi, non è necessario che i cavi mobili si trovino in una canalina. Possono essere utilizzati senza canaletta quando utilizzati all'interno del vano corsa, sulla cabina dell'ascensore, sulla parete del vano corsa, sul contrappeso o su dispositivi di controllo e macchinari situati all'interno del vano corsa, a condizione che siano nelle loro guaine originali. Il cavo traslante, inoltre, può essere percorso senza canalina dall'interno del vano agli involucri del comando dell'ascensore e alla cabina dell'ascensore e al locale macchine e luoghi simili all'esterno del vano per una distanza non superiore a 6 piedi. I conduttori devono essere nelle loro guaine originali o raggruppati insieme e nastrati o con filo.

L'articolo 620 del NEC, parte VI, Disconnessione dei mezzi e controllo, è piuttosto esigente. È di grande importanza che l'alimentazione alle varie funzioni dell'ascensore possa essere rimossa in modo rapido e affidabile dai carichi in caso di emergenza o per la manutenzione e la risoluzione dei problemi. Di particolare importanza è la posizione dei mezzi di disconnessione in modo che possano essere trovati da una persona che potrebbe non avere familiarità con l'installazione. È necessario un unico mezzo per scollegare tutti i conduttori di alimentazione principale non messi a terra e deve essere progettato in modo che nessun polo possa essere azionato in modo indipendente. Quando più macchine di azionamento sono collegate a un singolo ascensore, deve esserci un mezzo di disconnessione per disconnettere il/i motore/i e i magneti di azionamento della valvola di controllo.

È importante, ove richiesto, che non vi sia più di un singolo mezzo di disconnessione, quindi se è necessaria un'azione di emergenza, i primi soccorritori non saranno in grado di spegnere l'apparecchiatura da un'unica posizione. Si afferma inoltre che i mezzi di sezionamento non devono scollegare i circuiti derivati ​​richiesti nelle sezioni 620.22, 620.23 e 620.24. Questi sono i singoli circuiti derivati ​​necessari per l'illuminazione della cabina, le prese, l'illuminazione ausiliaria e la ventilazione su ciascuna cabina dell'ascensore; circuiti di derivazione individuali per l'illuminazione e la presa della sala macchine e di luoghi simili; e circuiti derivati ​​per illuminazione fossa vano corsa e presa/e.

Il mezzo di sezionamento deve essere un interruttore di circuito del motore o interruttore di circuito chiuso esternamente, azionabile e dotato di fusibile in grado di essere bloccato nella posizione aperta. La capacità di blocco è importante in modo che durante la manutenzione l'apparecchiatura non venga inavvertitamente alimentata. Anche il mezzo di disconnessione deve essere un dispositivo elencato. Si sottolinea inoltre che nessuna disposizione deve essere prevista per l'apertura o la chiusura dei mezzi di sezionamento da qualsiasi altra parte dei locali. Tuttavia, se gli sprinkler sono installati in vani di corsa, sale macchine o simili, i mezzi di sezionamento possono aprire automaticamente l'alimentazione all'ascensore interessato prima dell'applicazione dell'acqua. Non è previsto il ripristino automatico dell'alimentazione.

L'articolo 620 del NEC contiene numerose altre disposizioni sulla disconnessione, che devono essere attentamente esaminate prima del lavoro di progettazione in modo che l'installazione sia conforme. Oltre alla disconnessione dell'alimentazione discussa, è previsto che gli ascensori abbiano un unico mezzo per scollegare tutte le luci di cabina, le prese e i conduttori di alimentazione di ventilazione non collegati a terra per quella cabina dell'ascensore. I mezzi di sezionamento devono trovarsi nel locale macchine o luogo simile, con possibilità di essere bloccati in posizione aperta. Disposizioni analoghe sono previste per i mezzi di sezionamento del riscaldamento e dell'aria condizionata delle cabine degli ascensori e per le altre apparecchiature di utilizzo.

La Parte VII, Protezione da sovracorrente, divide questo argomento in quattro categorie per ascensori e apparecchiature simili, a seconda della natura dell'apparecchiatura specifica:

Per i dispositivi di comando e i circuiti di comando e segnalazione, la protezione contro le sovracorrenti è conforme ai requisiti delle sezioni 725.43 e 725.45. Questi fanno parte dell'articolo 725, Classe 1, Classe 2 e Classe 3 di controllo remoto, segnalazione e circuiti a potenza limitata. L'articolo si distingue dal resto del codice nel senso che esenta queste categorie di circuiti dai requisiti generali per il cablaggio nella maggior parte delle occupazioni, che si trovano nel Capitolo 3. In particolare, la Sezione 725.43 prevede che la protezione da sovracorrente per i conduttori 14 AWG e superiori sia essere fornito in conformità con la portata del conduttore senza applicare la regolazione della portata e fattori di correzione. La sezione 725.45 riguarda la posizione dei dispositivi di sovracorrente e fornisce le prese di alimentazione e dei circuiti derivati, la posizione del dispositivo di sovracorrente sul lato primario del trasformatore e la posizione del dispositivo di sovracorrente sul lato di ingresso delle fonti di alimentazione elettroniche.

La protezione da sovraccarico per i motori deve essere conforme all'articolo 430, parte III, l'area di codice generale che copre la protezione da sovraccarico del motore e del circuito derivato per tutti i motori. Inoltre, il servizio sui motori degli ascensori e dei montavivande è considerato intermittente, mentre il servizio sui motori delle scale mobili e dei tappeti mobili è considerato continuo. Per piattaforme elevatrici e seggiovie scala il servizio è intermittente.

La protezione da cortocircuito e guasto a terra della linea del motore deve essere conforme all'articolo 430, parte V per tutti i motori.

Allo stesso modo, la protezione da cortocircuito del circuito derivato del motore e da guasto a terra deve essere conforme all'articolo 430, parte IV, per tutti i motori.

La Sezione 620.62, Coordinamento selettivo, è fondamentale per le installazioni multi-ascensore e deve essere osservata attentamente. Esso prevede che quando più di un mezzo di sezionamento della macchina motrice è alimentato da un singolo alimentatore, i dispositivi di protezione da sovracorrente in ciascun mezzo di sezionamento devono essere selettivamente coordinati con qualsiasi altro dispositivo di protezione da sovracorrente a monte. Un corretto coordinamento selettivo in un'installazione multi-ascensore sulla stessa linea garantisce che se un ascensore si guasta, le altre unità non verranno spente.

La parte VIII, Sale macchine, sale di controllo, spazi macchine e spazi di controllo, afferma che le macchine di azionamento di ascensori e installazioni simili, gruppi elettrogeni, controller del motore e mezzi di sezionamento devono essere installati in una stanza o spazio riservato a tale scopo. Questa stanza deve essere protetta contro l'accesso non autorizzato (mantenuta chiusa a chiave). In caso di emergenza, gli elettricisti, il personale di manutenzione e gli eventuali tecnici degli ascensori chiamati nei locali dovrebbero avere pronto accesso alla chiave.

I controllori motore sono ammessi al di fuori degli spazi sopra specificati. Devono essere in contenitori con porte o pannelli asportabili che possono essere bloccati in posizione chiusa. I mezzi di sezionamento devono essere posizionati adiacenti o parte integrante del controllore del motore. Se il mezzo di sezionamento è parte integrante del controllore motore, deve essere azionabile senza richiedere l'apertura dell'involucro. Sono ammessi al di fuori degli spazi previsti gli ascensori con macchine motrici posizionate sulla cabina o sul contrappeso, o nel vano corsa.

La parte IX, Messa a terra, stabilisce che le canaline metalliche, il cavo di tipo MC, il cavo di tipo MI o il cavo di tipo AC collegati alle cabine degli ascensori devono essere collegati alle parti metalliche della cabina collegate al conduttore di messa a terra dell'attrezzatura. (Tutti gli elementi intenzionalmente messi a terra devono essere mantenuti allo stesso potenziale.) Sia gli ascensori elettrici che quelli non elettrici devono essere conformi all'Articolo 250, l'articolo del codice che copre la messa a terra e il collegamento in generale.

La sezione 620.85, GFCI Protezione per il personale, prevede che le prese da 125 V, monofase, 15 e 20 ampere installate in fosse, vani di corsa, locali macchine, sale macchine, scale mobili e marciapiedi mobili e sui tetti delle cabine degli ascensori devono essere GFCI. Non è necessario che una singola presa dedicata che alimenta una pompa pozzetto installata in modo permanente sia di tipo GFCI.

La parte X, Sistemi di alimentazione di emergenza e standby, è semplice e diretta. Dichiara che un ascensore può essere gestito da un sistema di alimentazione di emergenza o standby. Per gli ascensori che rigenerano l'energia in una sorgente di alimentazione incapace di assorbire l'energia rigenerativa in condizioni di carico dell'ascensore di revisione, deve essere fornito un mezzo per assorbire questa potenza. Altri carichi dell'edificio, come l'energia e l'illuminazione, possono funzionare come mezzi di assorbimento dell'energia, a condizione che questi carichi siano collegati automaticamente al sistema di alimentazione di emergenza o di standby che gestisce gli ascensori e sufficientemente grandi da assorbire l'energia rigenerativa.

I mezzi di sezionamento devono disconnettere l'ascensore dai sistemi di emergenza, di riserva e di alimentazione normale.

Questi sono i principali mandati NEC 2011 Articolo 620. Il rispetto dei requisiti garantirà un'installazione elettrica priva di rischi. Altri codici e standard interagiscono con il NEC ed è necessario vedere come interagiscono tra loro per creare progetti/installazioni di ascensori sicuri e conformi.

Domande sul rinforzo dell'apprendimento

Utilizzare le seguenti domande di rinforzo dell'apprendimento per studiare per l'esame di valutazione della formazione continua disponibile online su www.elevatorbooks.com oa pagina 81 di questo numero.
♦ Quale apparecchiatura richiede un circuito derivato separato nella cabina dell'ascensore?
♦ L'illuminazione deve essere protetta GFCI nella sala macchine?
Dove deve essere posizionato l'interruttore dell'illuminazione nella sala macchine?
♦ Qual è il riempimento massimo del conduttore della canalina in un vano ascensore?
♦ Quanti mezzi di sezionamento sono necessari per l'alimentazione di un ascensore?

NEC-Articolo-620-Ascensori-Parte-2-Figura-1
Motore di azionamento dell'ascensore: notare il condotto metallico flessibile come consentito per consentire le vibrazioni del motore.

David Herres possiede una licenza di Master Electrician nel New Hampshire e ha lavorato per molti anni come elettricista nella parte settentrionale di quello stato. Si è concentrato sulla scrittura dal 2006, avendo scritto per riviste come ELEVATOR WORLD, Costruzione e manutenzione elettrica, Attività di cablaggio, Attività elettriche, Dadi e Volt, Rivista fotovoltaica, Connessione elettrica, Connessione solare, Rivista dell'industria solare, Fine HomeBuilding Magazine e Engineering News.

Ottieni di più Elevator World. Iscriviti alla nostra newsletter gratuita.

Ti preghiamo di inserire un indirizzo email valido.
Qualcosa è andato storto. Si prega di controllare le voci e riprovare.
Apriporta universale

Apriporta universale

Ascensore-Mondo---Fallback-Immagine

Digitale e binario, binario e digitale

Ascensore-Mondo---Fallback-Immagine

Il mondo dei consulenti per ascensori

Ascensore-Mondo---Fallback-Immagine

Narrativa elevata

Dan-Winslow-CEIS-e-Consulente-Senior-CNY-Elevator-Group

Dan Winslow, CEIS e consulente senior, CNY Elevator Group

A-Sondaggio-sugli-effetti-dei-terremoti-Van-Turchia-2011

Un sondaggio sugli effetti del furgone del 2011, Turchia, terremoti

Metodo di ricerca sul controllo dell'ascensore

Ricerca sul metodo di controllo dell'ascensore

Gremio Arena

Schindler per attrezzare l'emporio